Museum Brandhorst /München/

20130422-202920.jpg
Il museo Brandhorst di Monaco: un paradiso dell’arte contemporanea.
A Monaco una collezione privata, vastissima, è diventata pubblica in un edificio costruito su misura per le opere esposte; le quali in questo coloratissimo palazzo di 3 piani trovano tutte i propri spazi, in stanze ampie e luminose dove l’arte si respira e si ammira in pace, con tutta la calma del mondo!
È stato spettacolare e rilassante visitare questo museo bellissimo dentro e unico dall’esterno, ci tornerei alla fine di ogni giornata!
Vi lascio ad alcune immagini ed a un breve elenco degli artisti esposti:
Carl Andre, Georg Baselitz, Jean-Michel Basquiat, Joseph Beuys, Günter Brus, James Lee Byars, André Cadere, John Chamberlain, Walter De Maria, Eric Fischl, Dan Flavian, Günther Förg, Katharina Fritsch, Robert Gober, Georg Herold, Damien Hirst, Roni Horn, Isaac Julien, Alex Katz, Mike Kelley, Hubert Kiecol, Jeff Koons, Jannis Kounellis, David Lachapelle, Richard Long, Mario Merz, Ron Mueck, Bruce Nauman, Hermann Nitsch, Cady Noland, Palermo, Sigmar Polke, Arnulf Rainer, Ulrich Rückriem, Ed Ruscha, Thomas Schütte, Andreas Slominski, Frank Stella, Rosemarie Trockel, Richard Tuttle, Cy Twombly, Andy Warhol, Lawrence Weiner, Franz West, Cgristopher Wool….

(Le foto delle opere sono state tutte scattate dal catalogo del museo, in quanto era assolutamente vietato fotografare le opere in loco)

20130422-205856.jpg

20130422-205906.jpg

20130422-205917.jpg

20130422-210312.jpg

20130422-210323.jpg

20130422-210334.jpg

20130422-210343.jpg

20130422-210356.jpg

20130422-210404.jpg

20130422-210443.jpg

20130422-210419.jpg

20130422-210456.jpg

20130422-210431.jpg

20130422-210505.jpg

20130422-210637.jpg

20130422-210610.jpg

4 pensieri su “Museum Brandhorst /München/

  1. Ho visitato Monaco l’anno scorso, al mio arrivo non conoscevo questo museo, ma mi è stato consigliato, quindi da grande amante dell’arte contemporanea mi ci sono ‘fiondata’.
    Già l’esterno mi aveva colpita, l’interno mi ha estasiata a partire dall’architettura, le grandi scale a vista su questi immensi saloni spaziosi e le opere contenute? Una più bella dell’altra!
    Sarà che studio Chimica e Tecnologia Farmaceutiche ma l’opera che ho amato di più è l’enorme vetrata contenente tantissime pasticche ognuna diversa dall’altra di cui ahimè non ricordo il nome!

    http://justsem.wordpress.com/

  2. Nobiliteremo il truciolato
    l’alluminio anodizzato
    masoniti e steatiti
    l’anziana bakelite
    i neonati nanofatti
    neanche ancora battezzati
    non verranno lasciati fuori
    naturalmente i manufatti
    purchè trattattati al plasma
    o dal volgare ittriogranato laser

    verrà considerato in causa
    l’untuoso ma onesto teflon
    basta che non attacchi briga
    con i mastelli di moplen
    stiano tranquille le persiane
    le sdraio le cerate in pivicì
    che cinguettano preoccupate
    istigate dalle betonelle
    dai parquet in laminato

    le maniglie di latta pressofusa
    la lamiera zincata fosfatata
    il cemento precompresso
    le poltiglie e le fanghiglie
    che indurite diventano graniglie
    sedute e garitte idrosanitarie
    talvolta inglobanti foto e perle
    nonchè slogan e conchiglie
    a tutte daremo un feudo
    un titolo una livrea

    le cianfrusaglie varie
    indocinesi magrebinpolacche
    brianzole o di diverse scuole
    avranno casato e stemma
    e se ci sarà il dilemma
    tra marchesati contee e ducati
    indagheremo genealogia ed araldica
    sia delle lacche alchidiche
    che di quelle poliuretaniche
    pur di non diseredarle

    faremo un gran reame
    ricco di possedimenti
    dove i regali di natale
    delle nozze per le lauree
    sfoggeranno col massimo splendore
    in un maniero termoplastico
    dal ponte levatoio in perspex satinato
    i merletti inossidabili le grate in abiesse
    il fossato in profilo estruso
    e anche le madonne in miniatura
    rischiarate dal tremulo elettrico lumino

    saranno se non regine
    ivi almeno sovrane fatte
    o d’esse cognate zie o cugine
    no le similpergamene
    le ultime cene impresse
    sulle magliette in terital
    sui vassoi e spillette
    le veneri in botticelle
    sorridenti a gioconde facce
    si dovranno accontentare
    di ammuffire nelle segrete .

    Un saluto, Marco Sclarandis

  3. Se devo essere sincera ho preferito quello Egizio che hai pubblicato un giorno fa. Bellissimo. Sono un pò antica io… Però mi son piaciute molto quelle mani nelle immagini di questo post. Meravigliose. Un saluto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...