Il rapporto tra arte e crisi

La crisi non è soltanto economica e, specialmente, non si riflette solo sulle finanze personali. Noi viviamo una crisi sociale e culturale, caratterizzata da profondi mutamenti che ancora non siamo in grado di decifrare e comprendere. Partendo dal presupposto ogni cosa si possa riflettere sull’arte, mi chiedo come questa crisi si veda nella produzione artistica contemporanea, e nel rapporto che noi abbiamo con l’arte (specialmente considerando l’inusuale successo che recenti mostre hanno avuto: l’arte e la cultura 2012 diventano i blockbuster milanesi).
Coexist
Nelle produzione artistica, secondo me possiamo denotare due filoni principali: l’uno caratterizzato da un’arte che vuole sfuggire la realtà, creando mondi fantastici (COEXIST. eight different kind of fantastic art) e l’altro segnato da una forte critica nei confronti dei simboli che caratterizzano il nostro tempo che siano politici, economici o sociali (Favole Fatali e dintorni).
Voglio sottolineare che l’arte non nasce dalla crisi, ma ne viene soltanto in alcuni casi influenzata.
veneziano giuseppe photo from web
Per quanto riguardo il rapporto dello “spettatore” con l’arte penso l’influenza sia stata più marcata e facilmente individuabile. Le persone si sono riavvicinate all’arte come mai era successo negli anni precedenti. Certamente l’arte rappresenta un momento di svago caratterizzato da una sensazione di pace, l’arte è uno stimolo per la fantasia e l’arte è bellezza; una bellezza che in una fase pessimistica della nostra storia fatichiamo a vivere. Anche se senza approfondire svariati discorsi di natura sociale e psicologica possiamo notare come una crisi economica freni le persone, per esempio dal fare molti fine settimana fuori porta e le induca a cercare “svaghi” più abbordabili finanziariamente.
concerto campestre photo from web
In conclusione vorrei porre la vostra attenzione anche sulla nuova dinamica dei linguaggi di comunicazione, che sono diventati più veloci, sintetici e facilmente reperibili. Credo sarebbe superficiale escludere i social media in quanto grazie a questi le informazioni viaggiano molto più velocemente raggiungendo molte più persone, e da questi nascono nuove mode e tendenze come: l’andare a visitare una mostra e/o un monumento.
social media photo from web

13 pensieri su “Il rapporto tra arte e crisi

    • avevo letto il tuo articolo, molto molto interessante: E penso la mia sia una valutazione soggettiva esposta in maniera più oggettiva, o forse solo più semplice; anche perchè il mio pensiero non è nato da un’attenta indagine e una ricerca di fonti, ma dalle mie personali opinioni scaturite da un’osservazione di alcuni fenomeni che mi circondano… e i miei riferimenti sono i miei precedenti post..😉 comunque grazie mille per essere passato dal mio blog😉

  1. Direi che l’arte può avere due facce: una è quella che hai descritto tu, che risente dei cambiamenti delle epoche che si susseguono, com’è naturale che sia, e da esse viene influenzata; l’altra comprende tutte quelle cose che io chiamo “stelle fisse al di sopra delle nuvole dell’effimero”, cosi uniche, con una capacità cosi grande di trasmettere il loro messaggio, da prevaricare ogni epoca.
    Buona serata!🙂

    Stefano

  2. Suggerisco la lettura di questo libro: Astrazione e empatia. di Wilhelm Worringer . E’ una tesi del 1906 che chiarisce molto bene, a mio avviso, il rapporto tra arte ed epoche…..Comunque bell’articolo, grazie.

  3. sì, c’è crisi: io non posso comprare i tubetti di colore ( l’ultima volta ho dipinto col dentifricio), un mio amico writer non può comprare le bombolette spray, un altro non può comprare le tele…..Come si può creare se poi mancano gli strumenti? Ma a nessuno importa di come sta un artista che non può creare. Nessuno ne parla. Parlano di gallerie che chiudono magari ma non degli artisti che hanno le mani legate dalla crisi.

    • Questa è una triste verità. La situazione degli artisti è anche questa…..Senza mezzi e strumenti si è tutti bloccati, con l’impossibilità di muoversi, di vedere, di aprire opportunità….,di mostrare…..Ciao.

  4. Pingback: Best of | Amù

  5. Pingback: Il rapporto tra arte e crisi | miglieruolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...