l’ultima cena cambia colore

ultima cena andy warhol photo from web

Andy Warhol, al secolo Andrew Warhola Jr., morì a New York il 22 febbraio 1987, dopo aver realizzato e presentato a Milano ‘Last Supper’, ispirato all’ ‘Ultima Cena’ di Leonardo. Una delle ultime opere dell’eclettico artista americano, che prima di venire a mancare rilascio un’intervista per Flash art al giornalista Paul Taylor parlando proprio dell’ultima cena e della sua ultima mostra, quella a Milano.
Di seguito vi riporto parti dell’intervista:

Paul Taylor: Stai per mostrare la tua opera l’ Ultima Cena a Milano.
Andy Warhol: Sì.
Paul Taylor: Quando hai fatto questi dipinti?
Andy Warhol: stavo lavorando su di loro da un anno. Dovevano essere esposti in dicembre, poi gennaio. Ora io non so quando.
Paul Taylor: Sono dipinti?
Andy Warhol: Non lo so. Alcuni sono stati dipinti,ma non verranno esposti quelli dipinti. Useremo le opere serigrafate.
Paul Taylor: Su alcuni di essi si ha una texture mimetica sovrapposta. Perché è così?
Andy Warhol: mi erano avanzate un po’ di tinte camouflage.
Paul Taylor: Hai fatto disegni di preparazione per questi quadri?
Andy Warhol: Sì, ci ho provato. Ho fatto una quarantina di dipinti.
Paul Taylor: Erano tutti di preparazione?
Andy Warhol: Già.
Paul Taylor: E ‘molto strano vedere un’immagine come questa raddoppiata.
Andy Warhol: Sono solo le versioni piccole.
Paul Taylor: L’unico davvero grande è dove ci sono le immagini a testa in giù e nel verso giusto.
Andy Warhol: Che è di destra.
Paul Taylor: E ‘strano, perché normalmente si vede solo un Gesù alla volta.
Andy Warhol: Ora ce ne sono due.
Paul Taylor: Come i due Papi?
Andy Warhol: Il Papa europeo e il Papa americano.
Paul Taylor: Stai cercando di essere trasgressivo?
Andy Warhol: Sì.
Paul Taylor: In America, sei quasi famoso come Charles Manson. C’è qualche somiglianza tra te nella factory e Gesù durante l’Ultima Cena?
Andy Warhol: Questo è negativo, per me è negativo. Non voglio parlare di cose negative.
Paul Taylor: che dire di questi giorni felici con la factory del presente? Ora sei il presidente di una  società
Andy Warhol: E ‘lo stesso.
Paul Taylor: Perché hai fatto l’Ultima Cena?
Andy Warhol: A causa [Alexander] Iolas mi ha chiesto di fare l’Ultima Cena. Ha ottenuto uno spazio espositivo di fronte a quello dove è custodita l’ultima cena e ha chiesto e tre o quattro artisti di reinterpretarla.
Paul Taylor: il tema dell’Ultima cena cosa rappresenta per te?
Andy Warhol: No. E ‘una bella foto.
Paul Taylor: E la tua trasformazione da essere un artista commerciale a essere un vero artista.
Andy Warhol: Sono ancora un artista commerciale. Sono sempre stato un artista commerciale.
Paul Taylor: Allora che cosa è un artista commerciale?
Andy Warhol: Non lo so – qualcuno che vende arte.
Paul Taylor: Così quasi tutti gli artisti sono artisti commerciali, solo in diversa misura.
Andy Warhol: Credo di sì.
Paul Taylor: E ‘un migliore artista commerciale quello che vende più lavoro?
Andy Warhol: Non lo so. Quando ho iniziato, l’arte stava andando giù per lo scarico. Le persone che disegnavano illustrazioni e copertine per riviste sono state sostituite dai fotografi. E quando hanno iniziato a utilizzare i fotografi, ho iniziato a mostrare il mio lavoro nelle gallerie. Tutti inoltre stavano facendo decorazione per finestre. Che poi sono state esposte in più gallerie. Ho avuto diversi dipinti appesi alla finestra e poi appesi in una galleria d’arte.
Paul Taylor: C’è una situazione parallela, adesso?
Andy Warhol: No, la cosa è solo diventata di moda, ha preso piede e ci sono tantissime inaugurazioni di gallerie ora e molti più artisti.
Paul Taylor: Che fine ha fatto l’idea di buona arte?
Andy Warhol: E tutto buona arte.

l’intervista è stata presa in prestito da http://www.warholstars.org/ dove trovate la versione integrale e molto altro😉

warhol ultima cena photo from web

the last supper changes color

Andy Warhol, born Andrew Warhola, Jr., died in New York February 22, 1987, after having made and presented in Milan the work ‘Last Supper’, inspired to the ‘Last Supper’ of Leonardo. One of the last works of the eclectic American artist, who made an interview with the journalist of Flash Art, Paul Taylor talking about the Last Supper and his last exhibition, the one in Milan.
Below you can read parts of the interview:

Paul Taylor: You are going to be showing your Last Supper paintings in Milan this year.
Andy Warhol: Yes.
Paul Taylor: When did you make the paintings?
Andy Warhol: I was working on them all year. They were supposed to be shown in December, then January. Now I don’t know when.
Paul Taylor: Are they painted?
Andy Warhol: I don’t know. Some were painted, but they’re not going to show the painted ones. We’ll use the silk-screened ones.
Paul Taylor: On some of them you have camouflage over the top of the images. Why is that?
Andy Warhol: I had some leftover camouflage.
Paul Taylor: Did you do any preparatory drawings for them?
Andy Warhol: Yeah, I tried. I did about forty paintings.
Paul Taylor: They were all preparatory?
Andy Warhol: Yeah.
Paul Taylor: It’s very odd to see images like this one doubled.
Andy Warhol: They’re just the small ones.
Paul Taylor: The really big one is where there are images upside down and the right way up.
Andy Warhol: That’s right.
Paul Taylor: It’s odd because you normally see just one Jesus at a time.
Andy Warhol: Now there are two.
Paul Taylor: Like the two Popes?
Andy Warhol: The European Pope and the American Pope.
Paul Taylor: You’re trying to be transgressive?
Andy Warhol: Yes.
Paul Taylor: In America, you could be almost as famous as Charles Manson. Is there any similarity between you at the Factory and Jesus at the Last Supper?
Andy Warhol: That’s negative, to me it’s negative. I don’t want to talk about negative things.
Paul Taylor: Well, what about these happier days at the present Factory? Now you’re a corporation president.
Andy Warhol: It’s the same.
Paul Taylor: Why did you do the Last Supper?
Andy Warhol: Because [Alexander] Iolas asked me to do the Last Supper. He got a gallery in front of the other Last Supper, and he asked three or four people to do Last Suppers.
Paul Taylor: Does the Last Supper theme mean anything in particular to you?
Andy Warhol: No. It’s a good picture.
Paul Taylor: What about your transformation from being a commercial artist to a real artist.
Andy Warhol: I’m still a commercial artist. I was always a commercial artist.
Paul Taylor: Then what’s a commercial artist?
Andy Warhol: I don’t know – someone who sells art.
Paul Taylor: So almost all artists are commerical artists, just to varying degrees.
Andy Warhol: I think so.
Paul Taylor: Is a better commercial artist one who sells more work?
Andy Warhol: I don’t know. When I started out, art was doing down the drain. The people who used to magazine illustrations and the covers were being replaced by photographers. And when they started using photographers, I started to show my work with galleries. Everybody also was doing window decoration. That led into more galleries. I had some paintings in a window, then in a gallery.
Paul Taylor: Is there a parallel situation now?
Andy Warhol: No, it just caught on so well that there’s a new gallery open every day now.There are a lot more artists, which is real great.
Paul Taylor: What has happened to the idea of good art?
Andy Warhol: It’s all good art.

11 pensieri su “l’ultima cena cambia colore

  1. Pingback: Be international ;) | Amù

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...