La Bellezza

canova-tre-grazie-photo-from-web

Nietzsche fu molto colpito da una frase tratta da “l’Idiota” di Dostoevskij: “la bellezza salverà il mondo” e quando si parla di bellezza non si può non pensare a Canova. Trovo che la frase calzi perfettamente alle opere di Canova, perché davanti alle sue creazioni ci si sente meglio, l’anima riposa, si viene salvati per un attimo dalla brutalità del mondo. La prima opera che ho visto di questo straordinario scultore è stata “le tre Grazie”, leggiadre, dolci, eleganti, racchiuse in un gesto infinitamente tenero talmente perfetto che sembrano fatte di panna e non di pesante marmo; guardandole ti viene voglia di abbracciare tu stesso qualcuno, ispirano, inevitabilmente, amore.

canova tre grazie photo from web

The Beauty
Dostoevskij said: “Beauty will save the world” when it comes to beauty we can just think about one person: Canova. I think that this sentence fits perfectly Canova’s work, because in front of his creations you feel better, your soul rests. The first work I’ve seen of this extraordinary Italian sculptor was “the Three Graces”, graceful, sweet, elegant, enclosed in an infinitely tender gesture so perfect that seems to be made of cream and not of heavy marble; looking at the three Graces makes you want to hug someone, they inspire, inevitably, love.

27 pensieri su “La Bellezza

    • Ciao,

      ho visto poco tempo fa un reportage sulla gipsoteca, bellissime le opere, belle anche con i chiodini piantati dentro, spero di andarci presto!!!!!!

  1. Credo anch’io che sia di Dostoevskij, ma può darsi che l’abbia pronunciata anche Nietzsche, perché no. A me viene in mente anche Stendhal, con la sua “la bellezza è una promessa di felicità”…:) Ciao!

    • Verissimo Dostoevskij l’ha scritta nella sua opera “l’Idiota” ma io mi ricordo di averla studiata come frase del filosofo alle superiori… Quindi credo entrambe le nostre conoscenze siano corrette!😉

      • Tra l’altro sul (non) rapporto tra Nietzsche e Dostoevskij, così diversi ma così “abissali” entrambi, c’è da pensare molto. Ricordo quando lessi di Nietzsche che scopre “Memorie dal sottosuolo” per puro caso, fu emozionante per me.🙂

  2. Canova è tra gli scultori che più amo in assoluto. Perché di fronte alle sue opere mi prende una vertigine, una forma acuta della sindrome di Stendhal. La bellezza salva eccome, innalza lo spirito.

  3. Quella di Canova è una bellezza meditata e soave, carica di perfezione esecutiva che le Tre Grazie (insieme ad Amore e Psiche) elevano al sommo grado del sublime. Le sue opere sono splendide, ma le trovo distaccate; alla sua limpida perfezione preferisco l’impeto e la tangibilità di Bernini.

  4. in mostra a milano, in questo periodo, è possibile ammirare Amore e Psiche stanti. Visto che sei di Milano anche tu, ti consiglio di andare a dare un’occhiata.

  5. Pingback: La Bellezza | artisticfancy

  6. Ho visto una mostra dedicata ai suoi lavori a Villa Borghese, anni fa.
    Devo dire che rimasti colpita da Bernini, che sopperiva totalmente queste rotondità classicheggianti flosce ahhaha😀
    Ora mi uccideranno gli appassionati!
    La mostra di Milano è a Palazzo Marino, se non sbaglio!

  7. Hai proprio ragione: le opere del Canova sembrano fatte di panna. Di nuvola, oserei dire, di qualcosa che difficilmente diremmo materia della realtà circostante.
    Ps. Ci sono infiniti motivi per cui amare Nietzsche; grazie per avermene ricordato un altro stamattina.
    Pps. Mi accingo alla lettura dell’Idiota e trovo nei commenti un riferimento. Direi che la parola di oggi per me è “coincidenza”!

  8. Ciao Amu!
    Bello il tuo blog! Ti ho inserito nel mio blogroll. Anche io ho visto di recente Amore e Psiche e non so quanto tempo mi sono fermata a guardarla. Non vedevo più nulla attorno a me…. dire strepitoso è poco.

  9. Ho ammirato dal vivo anche io Le Tre Grazie ed ho provato le tue stesse sensazioni. Amo poco l’arte scultorea ma ricordo che da quel piccolo e stupefacente corridoio dell’ERmitage di S. Pietroburgo che esponeva anche altro di Canova, non ebbi nessuna fretta di uscire.
    Ciao
    Marirò

  10. Se non erro a Villa Borghese son serbate diverse sue opere , forse, perifno questa scultura eccellente.
    Nietzsche? :o)
    Ero certa la frase l’avesse pronunciata il protagonista de “L’idiota” di Dostoevskij

  11. ……sia sulle immagini che sulle parole è riaffiorata la mia solita riflessione: Che cos’è la b/Bellezza? E l’a/Arte? Me lo sono sempre domandata e me lo domando ancora…cito una frase di Jacques Maritain che mi ha colpita: “Una cosa finita, totalmente perfetta, non corrisponde alla natura trascendentale della bellezza e nulla è più prezioso di una certa sacra debolezza, di quella specie di imperfezione attraverso la quale l’Infinito ferisce il Finito”…questo dopututto è forse il senso primo che attribuisco alla “Bellezza che salverà il mondo”!
    Ciao e complimenti per il tuo blog!
    Silvia

  12. Pingback: Best of | Amù

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...