Binario 21

http://www.binario21.org/

Il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della Stazione Centrale di Milano una umanità dolente, composta di cittadini italiani di religione ebraica di ogni età e condizione sociale, veniva caricata tra urla, percosse e latrati di cani su vagoni bestiame.
All’alba di una livida domenica invernale più di 600 persone avevano attraversato la città svuotata partendo dal carcere di San Vittore su camion telati e avevano raggiunto i sotterranei della Stazione Centrale con accesso da via Ferrante Aporti.
Tutti loro, braccati, incarcerati, detenuti per la sola colpa di esser nati ebrei partivano per ignota destinazione. Fu un viaggio di 7 giorni passati tra sofferenza e ansia.

I bambini da 1 a 14 anni erano più di 40, tra di loro Sissel Vogelmann di 8 anni e Liliana Segre di 13. La signora Esmeralda Dina di 88 anni era la più anziana.
All’arrivo ad Auschwitz la successiva domenica 6 febbraio circa 500 fra loro vennero selezionati per la morte e furono gasati e bruciati dopo poche ore dall’arrivo.

Dal binario 21 era già partito un convoglio con quasi 250 deportati il 6 dicembre del 1943, ne sarebbero partiti altri fino a maggio del 1944.

binario 21 photo from web

Track 21

The city of Milan was at the center of the Shoah in Italy. Many of the jewish deportees from Italy passed trhough Milan after the German occupation of Italy (september 1943).
Two of the town central locations utilized for the deportation of jews are still in the state in which they were more than 60 years ago.
The San Vittore prison and the Central Station.
In this second location at ground level, track number 21, 600 deportees were taken in the cold winter morning of january 30, 1944 until they filled a complete train.
On this convoy were transported 40 children of all ages.
Among them Sissel Vogelmann (of 8) and Liliana Segre (of 13). link a Sissel web e a testimonianza Segre
The oldest passenger was Esmeralda Dina (of 88).
After seven terrible days on the train they arrived at their unknown destination: Auschwitz Birkenau. It was the morning of February 6.
In a few hours 500 of them were killed with the gas and burned in the Krematoria.
Sissel and her mother followed this fate. Liliana luckily survived to her father Alberto to give us a great lesson of dignity and life. Trhough her accounts we have a clear and dramatic picture of life and death in the Birkenau compound. Tens of thousand students, up to date, have heard Liliana testimonies all over Italy.
Sissel only left child sketches, a few photographs some letter to the grand parents.
For the sake of Memory of these and the other italian deportees we invite everyone to sign our petition to the authorities and send theyr messages (click on the end of the page bar)
Our goal is the estabilishment of a living memorial of the Shoah in Milano located at Track 21.
We forecast a flow of more than 20.000 students per year to visit the memorial and its multimedia exhibition.
We expect turists to come to Milano as they do in Berlin or other towns with a memorial.
We hope the common people who already signed our petition will be our ambassadors to the world and the italian authorities.
In fall 2004 Milan will have a magnificent new exhibition area, but future without Memory is bound to create always more tensions in the society.
Let’s leave from Track 21 for a better future.

12 pensieri su “Binario 21

  1. E da Torino fu il binario 17 della Stazione di Porta Nuova a vedere lo stesso strazio. Anche quest’anno una fiaccolata, dalla stazione alle Carceri Nuove, ha ricordato gli ebrei e tutti i detenuti che a vario titolo furono deportati in quei giorni.

  2. Pingback: Binario 21 « rsX-Blog

    • sono d’accordo con te!!! stavolta il comune di Milano ha fatto una bel lavoro, tra l’altro ho visto che su un muro hanno scolpito la parola “indifferenza” alta quanto la parete, molto vero, molto significativo!

  3. Pingback: Si conclude il nostro viaggio nelle Memoria | Amù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...